Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata - Lepre in fuga
    Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata

Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota Bene : INSERITE SEMPRE DATA E LUOGO (ANCHE SOLO IL COMUNE) DEGLI AVVISTAMENTI



 Tutti i Forum
 FAUNA E FLORA DI PUGLIA, BASILICATA e CALABRIA
 MAMMIFERI
 Lepre in fuga
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


      Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

Vilmer77
Moderatore




Inserito il - 31/08/2007 : 12:21:10  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Vilmer77 Aggiungi Vilmer77 alla lista amici  Rispondi Quotando
Ieri, murgia materana

Immagine:

107,38 KB






 Firma di Vilmer77 
Vilmer
________________________
camminando si conosce

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Matera  ~  Messaggi: 3744  ~  Membro dal: 14/09/2006  ~  Ultima visita: 04/07/2016

Vilmer77
Moderatore




Inserito il - 31/08/2007 : 12:22:54  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Vilmer77 Aggiungi Vilmer77 alla lista amici  Rispondi Quotando
Purtroppo il fitto della vegetazione e la sua folle corsa non mi hanno permesso di fare di meglio con la fotocamera

Immagine:

124,46 KB






  Firma di Vilmer77 
Vilmer
________________________
camminando si conosce

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Matera  ~  Messaggi: 3744  ~  Membro dal: 14/09/2006  ~  Ultima visita: 04/07/2016 Torna all'inizio della Pagina

Matteo Visceglia
Nuovo Utente



Inserito il - 31/08/2007 : 14:03:48  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Matteo Visceglia Aggiungi Matteo Visceglia alla lista amici  Rispondi Quotando
Si tratta sicuramente dei soggetti da ripopolamento per "uso caccia". Hanno immesso anche fagiani che si lasciano avvicinare abbastanza, giusto per poterli eliminare pi? facilmente! Eccone uno:


Immagine:

40,9 KB






  Firma di Matteo Visceglia 
Matteo Visceglia
Montescaglioso Mt
e-mail: mvisceglia@tin.it

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Montescaglioso  ~  Messaggi: -15  ~  Membro dal: 19/09/2006  ~  Ultima visita: 28/04/2010 Torna all'inizio della Pagina

Vilmer77
Moderatore




Inserito il - 31/08/2007 : 14:46:56  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Vilmer77 Aggiungi Vilmer77 alla lista amici  Rispondi Quotando
Ma dove li reintroducono?
Sulla murgia materana sicuramente no, forse ci arrivano da zone limitrofe, visto che la caccia ? vietata.






  Firma di Vilmer77 
Vilmer
________________________
camminando si conosce

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Matera  ~  Messaggi: 3744  ~  Membro dal: 14/09/2006  ~  Ultima visita: 04/07/2016 Torna all'inizio della Pagina

Matteo Visceglia
Nuovo Utente



Inserito il - 31/08/2007 : 16:10:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Matteo Visceglia Aggiungi Matteo Visceglia alla lista amici  Rispondi Quotando
Ma dove li reintroducono?
Sulla murgia materana sicuramente no, forse ci arrivano da zone limitrofe, visto che la caccia ? vietata.


In genere non ? dato sapere dove, come e quando si fanno i ripopolamenti. E poi perch? dici "sulla murgia materana sicuramente no"? Teoricamente invece le reimmissioni vengono fatte anche all'interno delle aree protette poich? la fauna -si dice- ha il tempo di acclimatarsi. Poi gli stessi esemplari possono spingersi fuori le aree protette. Ma spesso non c'? bisogno tanto vengono clandestinamente accoppati (scusate... prelevati) in loco "prima che lo facciano gli altri"! Quel fagiano della foto era infatti nella Riserva Naturale di San Giuliano.






  Firma di Matteo Visceglia 
Matteo Visceglia
Montescaglioso Mt
e-mail: mvisceglia@tin.it

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Montescaglioso  ~  Messaggi: -15  ~  Membro dal: 19/09/2006  ~  Ultima visita: 28/04/2010 Torna all'inizio della Pagina

Matteo Visceglia
Nuovo Utente



Inserito il - 31/08/2007 : 22:54:17  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Matteo Visceglia Aggiungi Matteo Visceglia alla lista amici  Rispondi Quotando
A distanza di poche ore dal mio precedente messaggio ecco cosa leggo in questo momento:

(ANSA) - MATERA, 31 AGO - Saranno 2.700 i cacciatori residenti nella provincia di Matera che potranno partecipare all'avvio della stagione venatoria. L'apertura e' fissata per il 2 settembre. La Provincia, da quanto si e' appreso, ha provveduto al ripopolamento di alcune aree con 270 lepri e 1350 fagiani. Altre immissioni di lepri sono state effettuate dalle associazioni venatorie negli ambiti territoriali della caccia (Atc).






  Firma di Matteo Visceglia 
Matteo Visceglia
Montescaglioso Mt
e-mail: mvisceglia@tin.it

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Montescaglioso  ~  Messaggi: -15  ~  Membro dal: 19/09/2006  ~  Ultima visita: 28/04/2010 Torna all'inizio della Pagina

Vilmer77
Moderatore




Inserito il - 01/09/2007 : 00:19:01  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Vilmer77 Aggiungi Vilmer77 alla lista amici  Rispondi Quotando
Mi risulta solo quantomeno strano che permettano il ripopolamento ai fini venatori in un'area protetta!
Davo per scontato che ci fossero delle leggi che disciplinassero l'immissione in natura di animali che potrebbero alterare gli equilibri di alimentazione e non solo, evidentemente non ? cos






  Firma di Vilmer77 
Vilmer
________________________
camminando si conosce

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Matera  ~  Messaggi: 3744  ~  Membro dal: 14/09/2006  ~  Ultima visita: 04/07/2016 Torna all'inizio della Pagina

Matteo Visceglia
Nuovo Utente



Inserito il - 01/09/2007 : 00:36:04  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Matteo Visceglia Aggiungi Matteo Visceglia alla lista amici  Rispondi Quotando
Mai nessuno dichiarerebbe che il ripopolamento viene fatto a solo scopo "pronta caccia". Altrimenti non si chiamerebbe cos?. Se ci pensiamo il termine ripopolamento dovrebbe dirci che da un certo numero di esemplari immessi in una zona si dovrebbe arrivare poi ad un aumento degli stessi nella medesima zona cio? si dovrebbe ottenere un "ripoplamento". Si pu? parlare invece di ripopolamento solo se si chiude la caccia per almeno un paio di anni in modo da dare la possibilit? alla fauna di riprodursi e moltiplicarsi. Ma qui le uniche moltiplicazioni che si fanno sono quelle dei tesserini di caccia per il numero dei voti ottenibili.





  Firma di Matteo Visceglia 
Matteo Visceglia
Montescaglioso Mt
e-mail: mvisceglia@tin.it

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Montescaglioso  ~  Messaggi: -15  ~  Membro dal: 19/09/2006  ~  Ultima visita: 28/04/2010 Torna all'inizio della Pagina

egidiofulco
Moderatore


Inserito il - 01/09/2007 : 00:47:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di egidiofulco  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  egidiofulco Aggiungi egidiofulco alla lista amici  Rispondi Quotando
C'? poi un altro aspetto "grottesco" della vicenda e cio? che i ripopolamenti di solito vengono effettuati in primavera, proprio per permettere agli animali di "acclimatarsi".
I soggetti rilasciati, per?, presentano di solito comportamenti anomali, molto confidenti (vi siete mai imbattuti in Fagiani che attraversano la strada e si fermano a guardarvi?)
Ci? provoca un'elevata mortalit?, dovuta a vari fattori: incapacit? di procurarsi il cibo, investimenti e predazione da parte di Volpi e addirittura Cornacchie!
La mortalit? dei Fagiani immessi ogni anno in Umbria ? stata calcolata fino al 60%, con un relativo spreco di risorse economiche, non dimentichiamoci, infatti, che i ripopolamenti hanno un costo notevole per la regione e rappresentano con i vari annessi e connessi (gestione delle ZRC, foraggiamento, trasporto, eccc...) un discreto giro di affari....

Ciao








  Firma di egidiofulco 
Egidio Fulco
Pignola (PZ)

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Potenza  ~ Città: Pignola  ~  Messaggi: 1262  ~  Membro dal: 09/10/2006  ~  Ultima visita: 29/07/2015 Torna all'inizio della Pagina

giuseppe nuovo
Amministratore




Inserito il - 01/09/2007 : 07:41:17  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di giuseppe nuovo  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  giuseppe nuovo  Invia a giuseppe nuovo un messaggio Yahoo! Aggiungi giuseppe nuovo alla lista amici  Rispondi Quotando
per non parlare dell'inquinamento 'genetico' delle popolazioni autoctone; gli animali immessi provengono da allevamenti o da catture addirittura effettuate in continenti diversi. E' proprio il caso delle lepri che spesso provengono dall'Argentina o dai paesi dell'est.

E dell'inquinamento 'sanitario'. Spesso con gli animali immessi si immettono anche malattie, magari assenti da quel territorio.

Salutoni






  Firma di giuseppe nuovo 
Giuseppe Nuovo
Bari
argonauti@ymail.com
http://www.argonauti.org

il database per il naturalista
http://www.bio-log.it

 Regione Puglia  ~ Prov.: Bari  ~ Città: Bari  ~  Messaggi: 3187  ~  Membro dal: 12/09/2006  ~  Ultima visita: 14/07/2016 Torna all'inizio della Pagina

egidiofulco
Moderatore


Inserito il - 01/09/2007 : 15:52:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di egidiofulco  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  egidiofulco Aggiungi egidiofulco alla lista amici  Rispondi Quotando
Giustissimo,
in particolare le lepri immesse appartengono sempre a popolazioni di Lepus europaea, cosa che crea forte competizione con l'ormai rarissima Lepus corsicanus, taxon endemico dell'Italia centro-neridionale.

Ciao







  Firma di egidiofulco 
Egidio Fulco
Pignola (PZ)

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Potenza  ~ Città: Pignola  ~  Messaggi: 1262  ~  Membro dal: 09/10/2006  ~  Ultima visita: 29/07/2015 Torna all'inizio della Pagina

Matteo Visceglia
Nuovo Utente



Inserito il - 01/09/2007 : 20:02:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Matteo Visceglia Aggiungi Matteo Visceglia alla lista amici  Rispondi Quotando
Il problema ? che se in giro nei campi vaga qualche superstite di Lepre italica in men che non si dica viene abbattuta (con tanti saluti alla conservazione della biodiversit?) anche perch? ? molto difficile, mi dicevano alcuni esperti, distinguere i due taxon in natura e magari con animali in corsa non ottimamente visibili. Secondo un principio scientifico dettato dal buon senso per conservare determinate specie occorre innanzitutto impedire l'inclusione di specie simili e confondibili nell'elenco delle specie cacciabili.
E poi, non sarebbe meglio, lo dico per provocazione , sostituire la lepre con i conigli d'allevamento per far sfogare certe passioni ad alcuni amanti della natura? Magari usando quelli bianchi candidi cos? ? pi? facile colpirli e non si confondono con le lepri!

A proposito, chi ha mai visto una Lepre italica????

Ciao







  Firma di Matteo Visceglia 
Matteo Visceglia
Montescaglioso Mt
e-mail: mvisceglia@tin.it

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Matera  ~ Città: Montescaglioso  ~  Messaggi: -15  ~  Membro dal: 19/09/2006  ~  Ultima visita: 28/04/2010 Torna all'inizio della Pagina

gli Sgrilli
Utente Master


Inserito il - 01/09/2007 : 20:45:09  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di gli Sgrilli Aggiungi gli Sgrilli alla lista amici  Rispondi Quotando
Io ho avuto la fortuna di vederne una durante un giro notturno fatto con l'universit? di Bari accompagnati da Maurizio Gioiosa (alla ricerca del Capriolo italico) in foresta Umbra. Credo sia uno dei pochissimi posti dove l'inquinamento genetico non abbia avuto ancora la maggiore.....

Lorenzo Gaudiano






  Firma di gli Sgrilli 
Fabio Ferragonio

 Regione Puglia  ~ Prov.: Foggia  ~ Città: Foggia  ~  Messaggi: 1037  ~  Membro dal: 10/05/2007  ~  Ultima visita: 19/01/2010 Torna all'inizio della Pagina

egidiofulco
Moderatore


Inserito il - 01/09/2007 : 22:18:50  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di egidiofulco  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  egidiofulco Aggiungi egidiofulco alla lista amici  Rispondi Quotando
Una volta ne ho vista una in Umbria, si trattava di un individuo debilitato (poi deceduto) che fu recapitato all'istituto zooprofilattico.
In quel periodo seguivo ancora alcuni corsi universitari ed ebbi la fortuna di accompagnare il Prof. Ragni durante gli esami necroscopici.
Ti dico, Matteo, che ? praticamente identica alla Lepre bruna, in media un p? pi? piccola e con proporzioni pi? compatte (orecchie e zampe pi? corte), e qualche differenza di colorazione, ma si tratta di caratteri comunque non oggettivi e assolutamente non apprezzabili sul campo.
In quell'occasione si dovettero aspettare gli esiti delle analisi genetiche per stabilire con certezza che si trattava di Lepre italica!

Ciao







  Firma di egidiofulco 
Egidio Fulco
Pignola (PZ)

 Regione Basilicata  ~ Prov.: Potenza  ~ Città: Pignola  ~  Messaggi: 1262  ~  Membro dal: 09/10/2006  ~  Ultima visita: 29/07/2015 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
      Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 1,09 secondi.