Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata - Libelloides latinus - Ascalaphidae
    Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata

Argonauti - La Natura di Puglia e Basilicata
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota Bene : INSERITE SEMPRE DATA E LUOGO (ANCHE SOLO IL COMUNE) DEGLI AVVISTAMENTI



 Tutti i Forum
 FAUNA E FLORA DI PUGLIA, BASILICATA e CALABRIA
 INSETTI, RAGNI e C. (INVERTEBRATI)
 Libelloides latinus - Ascalaphidae
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


      Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

Jean-François
Utente Senior


Inserito il - 22/05/2011 : 23:07:45  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Jean-François Aggiungi Jean-François alla lista amici  Rispondi Quotando
Oggi, Cellamare (BA), i campi erano pieni di questi meravigliosi ma voraci insetti.
Come si possono riconoscere maschi e femmine ?

foto 1:
Immagine:

182,03 KB

foto2:
Immagine:

225,27 KB

foto3:
Immagine:

153,37 KB

foto4:
Immagine:

127,39 KB








Modificato da - Jean-François in Data 22/05/2011 23:09:42

 Firma di Jean-François 
Jean-François D
Cellamare (BA)
http://promenades-nature.over-blog.com

 Regione Puglia  ~ Prov.: Bari  ~ Città: Cellamare  ~  Messaggi: 928  ~  Membro dal: 12/04/2010  ~  Ultima visita: Ieri

neurottero
Utente Medio



Inserito il - 23/05/2011 : 11:12:00  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di neurottero Aggiungi neurottero alla lista amici  Rispondi Quotando
Bonjour Jean-François,

l'unica femmina è quella di foto 2. Puoi riconoscerla dalla assenza di quelle appendici all'apice dell'addome, specifiche dei maschi.

La determinazione però è errata: si tratta di Libelloides latinus.

Belle foto

Buone cose








Modificato da - neurottero in data 23/05/2011 11:13:30

  Firma di neurottero 
Agostino Letardi
neurotteri.casaccia.enea.it

 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 53  ~  Membro dal: 07/07/2009  ~  Ultima visita: 10/11/2015 Torna all'inizio della Pagina

Jean-François
Utente Senior


Inserito il - 23/05/2011 : 13:23:18  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Jean-François Aggiungi Jean-François alla lista amici  Rispondi Quotando
Bonjour à l'expert !!

Grazie per la dritta.

Se ho capito bene le informazioni che ho raccolto adesso su altri siti,
il L. latinus si distingue dalla presenza delle strie nere all'apice della ali posteriori, nonche dalla macchia ridotta (nera su fondo giallo o biancolatte su fondo chiaro) alla base delle ali posteriori ?

A cosa dobbiamo la differenza di tinta ? ci sono differenze regionali a riguardo ?

J-F








  Firma di Jean-François 
Jean-François D
Cellamare (BA)
http://promenades-nature.over-blog.com

 Regione Puglia  ~ Prov.: Bari  ~ Città: Cellamare  ~  Messaggi: 928  ~  Membro dal: 12/04/2010  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

neurottero
Utente Medio



Inserito il - 23/05/2011 : 18:32:44  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di neurottero Aggiungi neurottero alla lista amici  Rispondi Quotando
Jean-François ha scritto:

Bonjour à l'expert !!

Grazie per la dritta.

Se ho capito bene le informazioni che ho raccolto adesso su altri siti,
il L. latinus si distingue dalla presenza delle strie nere all'apice della ali posteriori, nonche dalla macchia ridotta (nera su fondo giallo o biancolatte su fondo chiaro) alla base delle ali posteriori ?

A cosa dobbiamo la differenza di tinta ? ci sono differenze regionali a riguardo ?

J-F


Parbleau! Vous es tres curiouse.... (me sa' che è un po' un francese alla Toto' : nonostante mi sia cimentato grazie a colleghi d'Oltralpe a pubblicare qualcosina sui Neuropterida anche in lingua francese, non ho alcuna conoscenza decente di questa meravigliosa lingua neolatina.. )

il pattern di maculazione delle ali è certamente un carattere utilizzato ed utilizzabile per il genere Libelloides in Italia, ma con molta attenzione, vista anche la grande variabilitàe la possibilità, seppur rara, di incontrare in natura qualche esemplare ibrido tra alcune specie (tipo L. coccajus e L.longicornis).
Anche la forma delle ali può dare buoni indizi.
Le differenze di tinta (che hanno portato alcuni "curiosi" dilettanti nordeuropei a descrivere bizzarre ed inconsistenti sottospecie) sembra avere più una base genetica che geografica. Ma la cosa non è stata studiata con sufficiente dettaglio.

A bientot!

Agostino Letardi








  Firma di neurottero 
Agostino Letardi
neurotteri.casaccia.enea.it

 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 53  ~  Membro dal: 07/07/2009  ~  Ultima visita: 10/11/2015 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
      Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 1,31 secondi.